«

»

Oct 03

Un micro alimentatore 3,3V – 5V USB per BreadBoard

Un alimentatore USB per breadboard.

English Version

Ricordo che quando ho iniziato ad utilizzare le breadboard mi munivo di un certo numero di pacchi batteria AA o AAA per alimentare i circuiti che andavo a "produrre". Quello che accadeva era sempre lo stessa cosa .

Le batterie si erano scaricate e quindi perdevo la fantasia e dovevo rimandare il mio giochetto a “cariche” migliori. Oltre tutto, visto che sono sempre in giro mi "pesava" non poco portarmi le batterie ed il carica batterie, così buttavo il mio tempo pensando a cosa avrei potuto fare se ….

Poi mi venne l'idea di prendere l'alimentazione direttamente dalla porta USB del mio laptop e questo funzionò per un bel pezzo sino a quando … un mio errorino nel circuito  bruciò la porta USB del laptop.

Per un po' di tempo ritornai a fantasticare (mi rimaneva una sola porta USB funzionante. Ero riuscito a distruggere l'hub usb del laptop) e non mi azzardavo a connettere niente al laptop …

Ma questo non poteva durare a lungo.

Avevo ancora bisogno di alimentare i miei prototipi ed in più non mi bastava la sola 5 Volt, avevo bisogno anche della 3,3 Volt. Non volevo più rompere una porta USB,  volevo qualcosa di leggero e facilmente trasportabile. Ecco così l’idea di creare un alimentatore connesso alla porta USB, che fornisse sia la 5 che la 3,3 Volt, e che proteggesse la porta USB del PC dai miei attacchi d’isteria elettronica.

Ecco così la nascita di  questo alimentatore.

L’alimentatore e’ molto semplice nel suo insieme ma soprattutto molto versatile.

  • Utilizza un regolatore della microchip che genera la 3,3 Volt  a partire dalla 5 Volt presa dalla porta USB
  • Ha un PTCC (POLYSWITCH .20A RESET FUSE SMD – MINISMDC020F-2 )per proteggere la porta USB da assorbimenti superiori a 250 mA.

Un PPTC e’ un dispositivo elettronico passivo (polymeric positive temperature coefficient), conosciuto comunemente come fusibile resettabile, utilizzato per proteggere i circuiti elettronici da fault di sovra correnti.  Non appena viene superato l’assorbimento massimo del PPTC (400 milliamper nel nostro caso) il dispositivo stacca il circuito dalla USB riportandolo al massimo consentito (250 milliamer)  salvando così l’USB del PC. A valle del PPTC vengono fornite all’utilizzatore la 5 volt ed la 3,3 Volt. La 3.3 Volt e’ generata tramite un regolatore ldo (low drop out) della microchip l’MCP1700. Il regolatore accetta tensioni di ingresso sino a 6 Volt.  

Non poteva mancare un led per la visualizzazione del funzionamento, ed i condensatori richiesti dal regolatore mcp1700.

E’ inoltre presente un diodo in uscita dalla porta USB utilizzato per evitare possibili ritorni della corrente verso l’USB del PC (meglio essere sicuri, non si sa mai).

Il circuito e’ stato progettato per ospitare uno tra due possibili connettori USB:

1-      USB-A-H quello delle chiavette usb per capirci

2-      USB-PH quello presente sulle stampanti USB

Ed ecco lo schema :

 

 

 

ed ecco i povray :

 

 e la lista della spesa :

 

C1       1u             ceramico 1206

C2       10u/16V        Elettrolitico (2.5)

C3       1u             ceramico 1206

D1       diodo          schottky    SOD123   

IC1      MCP1700        MCP1700         TO93     

J1       pin header (2 pin)

J2       pin header (2 pin)

L1       LED3MM         

P        MINISMDC020F-2     PTC 1812 

R1       3.3K           Resistenza (1/8 Watt)

X1       connettore USB

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>